Pensiero fluido

On 1 febbraio 2010, in fotocomposizioni, il boss, by Dadevoti
Palazzo delle esposizioni – Giardini, Biennale di Venezia 2009

Padiglione Italia

Padiglione Stati Uniti d’America – Giardini, Biennale di Venezia 2009

Padiglione americano

Centralina – Giardini, Biennale di Venezia 2009

Centralina

Sono passati 12 anni da quando mi sono collegato a internet in maniera continuativa e ora il mio modo di pensare è cambiato.

Kevin Kelly afferma che il pensiero è diventato fluido, infatti ora sono costretto a rincorrere le mie certezze sulla rete, discernere i dati dal rumore di fondo e dai falsi, per ogni informazione trovata esiste il suo opposto.

Tutto è diventato relativo, e in questa mancanza di informazioni oggettive l’argomentazione ha più valore dell’argomento.

La persuasione è ciò che più mi fa paura.

Tagged with:  

2 Responses to Pensiero fluido

  1. Dania scrive:

    La cosa incredibile è che non esiste ancora un vaccino all’eccesso di fluidità e nemmeno la consapevolezza riesce a darti il pieno controllo sulla fruibilità e la percezione delle informazioni. Forse è perché siamo una generazione di passaggio, che ha appreso in maniera analogica e si ritrova in terre ancora pionieristiche.
    Forse.

  2. frapre scrive:

    sicuramente tuttto è fluido… ecco… basta andare appunto alla “biennale di venezia”… perchè tutto possa sembrare invece, estremamente rigido e stereotipato… ovvero l’ovvio più ovvio dell’ovvietà…più fluido di così c’è solo l’acqua alta senza stivali.

    frapre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

iBlog by PageLines